lunedì 13 febbraio 2017

Collaborare costa

Ieri a casa mia si parlava di euristiche utilizzate dalla mente per decidere.
Si ragionava della diferenza tra euristiche, induzione e deduzione (... ebbene sì, la domenica a pranzo capita di tenere discussioni del genere 😊 )
Comunque oggi un amico mi ha segnalato questo: DeepMind: se due AI si scontrano, cosa succede?("I ricercatori Google hanno fatto sfidare macchine dotate di intelligenza artificiale a videogame che simulano dilemmi sociali. Il risultato apre spiragli di luce sulla futura capacità di adattamento dei robot")
Un paragrafo che mi ha colpito è: "In Wolfpack invece è stato evidenziato che per collaborare (scelta più opportuna) è richiesta molta potenza di calcolo. Solo l'intelligenza artificiale più sofisticata ha quindi propeso per la collaborazione con migliori risultati."

Come dire che le AI a volte non collaborano... "per fare meno fatica"!
Il che mi ha fatto pensare che in effetti anche per la mente umana l'attività del collaborare/co-lavorare, comporta un dispendio di energie psicoficiche che invece l' "andare avanti per la propria strada" non richiede
Posta un commento

Google+ Followers